Qualità,

Efficienza ed efficacia

Qualità,

Efficienza ed efficacia

Qualità,

Efficienza ed efficacia

riesumazione paolo vi

Da una guerra mondiale che avrebbe sconvolto tutti gli equilibri e avrebbe trovato uno sbocco nella lunghissima stagione della Guerra fredda. 5 Dopo la messa esequiale solenne, la triplice bara di papa Mastai, coperta da una coltre funebre, viene issata nel loculo delle sepolture provvisorie dei papi, che fino al 1920 circa si trovava da secoli sopra la porta dei cantori, alla sinistra della Cappella del Coro in San Pietro. Si tratta di una riproduzione grafica popolare adottata come modello per la morte dei papi Pio IX, Leone XIII e Pio X, in cui il grafico si limitava, volta per volta a cambiare sempliecemente il volto del defunto lasciando intatto tutto il resto. 6 Il feretro del papa, attraverso degli argani viene calato nelle grotte vaticane, dalla cripta dei santi Apostoli: Pietro lì sepolto assistente alla sepoltura del “Pietro” suo successore. In secondo luogo, sarebbe onesto intellettualmente rivisitare la stagione del “ruinismo” (definizione cara ai suoi numerosi detrattori, primo fra tutti lo storico del cristianesimo Alberto Melloni) che ha rappresentato oggettivamente l’ultimo spazio significativo di rilevanza dei cattolici italiani sulla scena pubblica. Il camerlengo di Santa Romana Chiesa, prossimo al papato, Eugenio Pacelli, batte per tre volte il famigerato “martelletto” d'argento sulla fronte di papa Pio XI, chiamandolo per altre tre volte con nome di battesimo, domandandogli se è “veramente morto”. guardando queste foto mi viene in mente un'altra domanda... Sapevo di Pio IX. Esposto nel salone degli Svizzeri. 9 I paramenti pontificali del papa sono in buono stato: si noti la grande qualità delle stoffe. 12 Molti hanno creduto che questa foto si riferisca alla morte del corpulento Giovani XXIII. In realtà dovrebbe essere la terza e non la prima esumazione, e anche la bara deve essere stata aperta già due volte: nel 1883 e negli anni '30, ma non ufficialmente. 3 Esposto nella sala Clementina del Palazzo Apostolico, con alle spalle un antico crocefisso d'avorio e a lato un cero pasquale. Dunque, il deserto di oggi ha certamente radici anche nelle scelte susseguenti alla stagione dei “valori non negoziabili”. Vi rimase fino alla fine degli anni '60, quando Paolo VI né ordinò la rimozione. Stampa. Dunque si passò qualche settimana dopo alla ricomposizione del corpo, disinfettato, ripulito, e trattato ancora con sostanze conservative, si provvide a coprirne le parti scoperte con uno strato di cera. 3 Illustrazione da rivista popolare dell'epoca. 8 Il sarcofago contenente il corpo di papa Della Chiesa. Durante il trasporto dal Castel Gandolfo, giunti alle porte di Roma si udì un grosso e sinistro scoppio intorno al feretro del papa: la salma maldestramente imbalsamata era letteralmente esplosa squarciandosi. Si noti lungo la fascia della talare lo stemma ossidato di papa Pacelli, a cui apparteneva in origine l'indumento poi donato per rivestire la salma del predecessore nel 1956. Solo al mattino (in genere) si procederà al trasporto nella basilica. 14 Pio XII esposto in basilica, con una maschera di cera. Ma è l'antico insieme di paramenti pontificali tardizionali, che hanno reso uguali e accomunato tutte le salme dei suoi predecessori per secoli, che viene completamente razziato: dal fanone alla pianeta, dalla dalmatica alle chiroteche, ecc. Tuttavia riteneva opportuno lo splendore durante le cerimonie liturgiche, che erano la sua grande passione. Papa Braschi aveva disposto, peccando di vanità, d'essere sepolto sotto il baldacchino del Bernini, esattamente nella centralissima cripta dei santi Pietro e Paolo, di fronte a loro. 12 L'ultima opera del vecchi Antonio Canova. Senza insegne né indicazioni, questo anonimo loculo ho scoperto trovarsi non nello spazio della chiesa, ma all'inizio di un corridoio che porta nella sacrestia della basilica, che dà sul retro del monumento funebre. 11 I sanpietrini saldano con fiamma ossidrica la cassa metallica, ossia la seconda cassa. 1 Nel febbraio 1939 muore Pio XI Ratti. 5 Il volto del papa appena defunto è gia spettrale: “ha aperto la bocca a bere l'ultimo respiro di questa terra”. Estumulato dalla tomba provvisoria in San Pietro nel 1803 per essere collocato in questo monumento, all'apertura canonica della bara risultò straordinariamente essere in buone condizioni. Si continuano le preghiere e le liturgie “novendiali” intorno al catafalco monumentale (o tumulo) pontificio, inaugurato dopo le esequie solenni e successiva sepoltura del papa. Infatti (la cosa è inedita), il corpo del papa non era collocato nel sarcofago soprelevato che per anni ci è stato detto essere la “tomba” del papa: era uno specchietto per le allodole. Stampa dell'epoca. Pascalina e le sue suore, da questo momento riceveranno un duro e indegno trattamento da parte dei superstiti del Sacro Palazzo, e anzi ne sarebbero state cacciate in malomodo, non fosse intervenuto in loro difesa il generoso, per quanto tendente alla prosopopea, cardinale decano Tisserant. Si è assistito quindi ad una spoliziazione dalle insegne pontificie di sempre. Gli interna corporis sono conservati dentro anfore di coccio. Dentro un carro funebre comunale male adattato ad accogliere il feretro d'un simile glorioso pontefice: risultò arrangiato, pesantissimo, in definitiva volgare. Vi rimase fino alla fine degli anni '60, quando Paolo VI né ordinò la rimozione. E' vestito degli abiti da coro regolari, compreso camauro e mozzetta ermellinati. Si tratta di una distribuzione — per ora — provvisoria che però Il corpo e' visitato dal cardinale camerlengo Martinez Somalo. E ancora con eventi pubblici significativi da parte di queste reti (Referendum sulla Legge 40 e il primo Family Day del 2007). 1 Papa Leone XIII sul letto funebre allestito nella sala del trono del Palazzo Apostolico, per la prima esposizione semi-pubblica a beneficio del personale vaticano. Si noti poggiata al muro la croce grega, adoperata in cima alle processioni per il trasporto solenne (quello sacro, non quello militare, ad opera di guardie nobili o altri personaggi laici a cui volta per volta spettava)  della salma papale. La sua introduzione extra-cerimoniale risaliva ad un personale gusto del Montini. Durerà ancora pochi minuti: è stato appena “imbalsamato” con un metodo di sua “invenzione” (l'ennesimo) dal solito ciarlatano e incompetente Galeazzi Lisi, l'oculista archiatra, che, sosteneva, aveva ricevuto l'autorizzazione del papa quand'era in vita a sperimentare l'invenzione conservativa sul suo cadavere. Sembra che tutto il loro cammino si muova su tanti binari paralleli destinati a non incontrarsi mai, Vacciniamoci. Tardini, mons. 4 Una foto dall'alto del corpo di papa Roncalli esposto sull'alto catafalco in San Pietro, ci da un'ottima panoramica dei tradizionali abiti pontificali che è in uso indossare al pontefice per la morte e l'ultima esposizione. 1 Papa Giovanni mentre è trasportato a spalle scoperto dal Palazzo Apostolico verso la basilica di San Pietro, passando per la piazza. 7 Ultime cerimonie a “porte chiuse”. 1 Processo al cadavere di papa Formoso. rispolvere questo topic per buttar giù una mia curiosità storica... dove e come possono essere trovate informazioni sul rito della sepoltura papale? Una formula ricordata, con favore, anche da Papa Francesco. 2 Primo piano del pontefice sul letto della sua camera, con il camauro. Paolo VI e l’impegno politico dei cattolici. Illustrazione su rivista popolare, dell'ottobre 1958. E' il tedesco Ratzinger, prefetto dell'ex Sant'Uffizio, destinato a succedergli sul trono petrino. Innanzitutto attraverso l’applicazione culturale e sociale del paradigma dei “valori non negoziabili” (vita, famiglia e libertà di educazione), caro a Wojtyla e Ratzinger. L'archiatra fece queste foto e la vedette a un giornale francese, che le pubblicò, generando un generale riprovazione. Il letto funebre è rivestito di un anomalo beige, che nulla ha a che fare con i colori per la morte del papa né col i colori del papato in generale. Da lì sarà estumulato negli anni '50 per la sua beatificazione, e collocato in una urna di cristallo di un cappella laterale della basilica vaticana. 6 La prima sepoltura di Pio X nelle grotte vaticane. 15 Dopo la sepoltura del papa, continuano le esequie novendiali. Non vi fu mai sepolto, anche perchè morì in esilio prigioniero di Napoleone. Nato come rivista cartacea, oggi l’iniziativa Formiche è articolata attraverso il mensile (disponibile anche in versione elettronica), la testata quotidiana on-line www.formiche.net, una testata specializzata in difesa ed aerospazio “Airpress” (www.airpressoline.it) e un programma di seminari a porte chiuse “Landscapes”. Questo dovrebbe essere l'ultimo catafalco monumentale della storia della chiesa. All'angolo si nota una delle due guardie nobili poste a piantonare il letto funebri ai due lati. 4 Un quotidiano dell'epoca annuncia la morte e la traslazione di Pio XI, insieme al cordoglio del sovrano italiano e del capo del fascismo. Si notano alcuni principi romani col singolare colletto seicentesco. 7 Inizio dei novendiali per la morte di papa Benedetto nella Cappella Sistina, che si svolgono davanti al tumulo monumentale, secondo una antica e arzigogolata ritualità. Il tutto al netto della “impressione comune che i cattolici non siano più protagonisti come un tempo nella gestione della cosa pubblica del Paese”. Un categorica circolare vaticana sotto Pio IX, ne proibì tassativamente l'uso per le esposizioni funebri di ecclesiastici diversi dal papa, chiudendo così la contesa e anni di abusi. Assai bizzarra per un sommo pontefice defunto è la posizione delle braccia, dritte lungo i fianchi. Lo si estrasse di nuovo e lo si sottopose a un bagno antisettico, immergendo la salma in formalina e sali, per diversi giorni, dopodichè fu di nuovo ricomposta in un urna ermeticamente sigillata, non prima d'avergli applicato un nuovo strato di cera sul viso e sulle mani. 5 Lo stupendo monumento funebre di papa Innocenzo XI Odescalchi. Risultato: si assistette nell'arco di pochi minuti alla più veloce e ributtante decomposizione in presa diretta che la storia della medicina legale ricordi. 4 Primo piano in un giornale dell'epoca. Nasalli Rocca: entrambi avrebbero ancora trascorso molti decenni dentro il Palazzo Apostolico, alle dirette dipendenze dei vari pontefici fino a Paolo VI, che al tramonto della loro carriera li creò entrambi cardinali. 7 I novendiali del papa. Questi lo rimirò nelle sue mani e con fare scettico, e un po' forse per paura del ridicolo, si rivolse agli astanti e domandò, di fatto rifiutandolo, “ma vi pare proprio il caso?”, e lo ripose. Non stupisce, dunque, che uno degli uomini più vicini a Francesco, il cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione dei santi, dalle pagine del Il Messaggero affermi che “abbiamo bisogno di uomini coraggiosi che sappiano coniugare i valori evangelici in cui credono con i valori democratici e costituzionali”. Ma il peggio deve ancora venire. In ginocchio tre presidenti Usa (oltre alle consorti e al segretario di stato americano), e ve ne doveva essere un quarto, Carter, ma non si trovò posto per lui nell'aereo presidenziale. Le foto presenti su Formiche.net sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. É rivestito inappuntabilmente dei paramenti pontificali secondo le prescrizioni cerimoniali per le esequie del papa, “come se celebrasse”, ossia vestito come quando celebrava solennemente la Messa durante i pontificali. 2 Papa Sarto esposto sul catafalco nella sala del trono del Palazzo Apostolico: è scomparso, come si nota,  il “letto” funebre con baldacchino, in uso ancora per la morte del predecessore, sostituito dal più comune catafalco drappeggiato di velluti cremisi. 8 Riesumazione di papa Pio IX nel 1956. La salma, trattata con notevole imperizia, è vistosamente danneggiata, il nuovo feretro composto da una anziché tre casse si rivelerà del tutto inadeguato. Probabile mandande, per ragioni politiche, il suo successore Bonifacio VIII. Si entrava in un'epoca di papeurizzazione per volontà di Montini e del mondano spirito demagogico e populista dell'epoca, a cui il Montini non fu insensibile. Per sintetizzare: no a un partito unico dei cattolici, sì ad un gruppo (con un patrimonio di idee, cultura e dottrina sociale), sì a uomini coraggiosi che non aspettino la benedizione dall’alto. Nulla da eccepire, salvo che la formazione politica è stata per anni disertata dal mondo cattolico. Da notare i paramenti: non è rivestito con le insegne pontificali, ma con quelle di vescovo: al momento della sua morte Celestino aveva già da un anno abdicato, dunque gli spettarono le esequie previste per la sua condizione precedente, quella di vescovo. Si rivelerà un errore gravissimo sottovalutare l'ingratitudine di quell'oculista che tutto doveva ad un atto di stima del cardinal Pacelli  molti anni prima. Però vi fu collocata questa statua in quel punto. Famosissima foto dell'epoca che circolò in ogni formato, devozionale soprattutto. Dal canto suo, monsignor Gastone Simoni, vescovo emerito di Prato, sempre attento al tema della presenza politica dei cattolici, ha avviato sondaggi e incontri riservati. Due francescani recitano di fronte alle letto gli uffici dei defunti: questo ordine religioso ha uno stanziamento stabile nei palazzi apostolici, e i padri hanno tutti compiti da penitenziere, percui hanno l'obbligo di vegliare, pregando incessantemente, la salma del pontefice. La morte di Clemente fu pietosa, e oscene divennero le condizioni del suo cadavere disfatto: per questa ragione si parlò di veleno, gettandone la colpa sui gesuiti che egli aveva soppresso come ordine. Riesumato nel XIX secolo, a moltissimi secoli dalla morte, il corpo risultò discretamente conservato; come i paramenti sacri che indossava, fra cui spiccava una casula della foggia attualmente in uso per il clero, e su tutto dominava il colore rosso come ci ricordano i testimoni della ricognizione: il rosso è il colore del lutto papale. In attesa della traslazione solenne verso Roma. Il corpo di Leone XIII esposto nella cappella del Sacramento, vegliato da canonici e dalla guardia nobile. Il sottoscritto presa visione della informativa sul trattamento dei dati personali autorizza il trattamento dei dati personali previste nel caso di registrazione al servizio di newsletter. Nel suo “Testamento spirirtuale”, Paolo scrive: <

Orario Definitivo Galilei Pescara, Festa 14 Luglio Parigi 2020, Pizza Benedetta Parodi Veloce, Santa Patrizia Napoli, Carolina Nome Significato, Chiesa Di San Giorgio Maggiore Venezia Come Arrivare, I Re Di Israele Scuola Media, 23 Marzo 2001, 14 Gennaio Giornata Del Migrante, Ustica Lines Contatti,